Ortodonzia

COS’È L’ORTODONZIA?

L’ortodonzia è la branca dell’odontoiatria che valuta crescita e lo sviluppo dei denti e delle strutture ossee e che si occupa del trattamento delle irregolarità che possono presentarsi. Lo scopo dell'ortodonzia è quello di ripristinare le guide frontale e canina, cardini di un rapporto dentale e di una funzione corretti.

COS’E’ UNA MALOCCLUSIONE?

Letteralmente si tratta di una disarmonia  dentale e/o scheletrica :“morso scorretto”. Molte malocclusioni sono su base genetica ma  possono essere  implicati anche altri fattori: edentulia parziale,  abitudini viziate,  presenza di respirazione orale, perdita precoce della dentatura decidua ecc.

COME AVVIENE UN TRATTAMENTO ORTODONTICO?

Prima visita e esame obiettivo
La prima visita vi darà l’opportunità di discutere con l’odontoiatra delle vostre esigenze e dei vostri problemi. Verrà effettuata una iniziale valutazione e discussione riguardante il trattamento, qualora necessario. Per determinare la complessità del caso sarà necessario  effettuare  delle indagini radiografiche, l’esecuzione di alcune fotografie e la presa di una impronta della bocca.
Seconda visita
Tutto quanto descritto al punto precedente porterà alla formulazione di un piano di trattamento. In questa sede vi verrà spiegato in dettaglio cosa comporta il trattamento ortodontico, quali risultati vi potete aspettare, quanto tempo durerà il trattamento e vi verrà formulato un preventivo di spesa.
Visite periodiche
Le visite periodiche, stabilite dall’odontoiatra, sono una parte determinante e necessaria per il successo del trattamento. Normalmente dovrete recarvi allo studio per il controllo dei vostri progressi ed eventuali regolazioni delle apparecchiature.

CHI NE PUÒ BENEFICIARE?

Indipendentemente dall’età del paziente il trattamento ortodontico è sempre un cambiamento in meglio.
Un trattamento ortodontico può essere portato avanti con successo ad ogni età anche se è più semplice su un bambino in crescita o un adolescente.
Recenti studi dimostrano che circa la metà di tutti i ragazzi di 12 anni potrebbero beneficiare di un trattamento ortodontico.
Nei pazienti adulti le prospettive di miglioramento dipendono naturalmente anche dallo stato di salute dei denti, delle gengive, dei legamenti dentali e dell’osso.

L'ortodonzia si divide in due grosse branche: l'ortodonzia mobile intercettiva e l'ortodonzia fissa. La prima ha lo scopo di prevenire e correggere vizi e difetti dello sviluppo splancnocranico, interviene quindi esclusivamente nel determinare uno sviluppo scheletrico armonico e corretto che favorirà  di conseguenza una posizione dentaria corretta. La seconda ha lo scopo di ottimizzare e finalizzare il trattamento intercettivo agendo sullo spostamento dentario.

L’ortodonzia fissa tradizionale permette l'allineamento ed il corretto posizionamento dei denti per mezzo di piastrine metalliche (brackets metallici) che vengono incollate sulla superficie dei denti. I brackets vengono uniti da archi metallici, fissati ai brackets stessi con legature elastiche o metalliche. Facendo agire forze su arco e breckets, i denti vengono spostati fino a che non si è raggiunta la posizione dentale voluta. Il problema maggiore per il paziente in cura ortodontica con un apparecchio metallico fisso "tradizionale" (i cosidetti ferretti) è quello estetico.